parkitloveit parkitloveit 002 Come sono stati i tuoi primi tre mesi senza un appartamento?

Podcast | 002 Come sono stati i tuoi primi tre mesi senza un appartamento?

002 Come sono stati i tuoi primi tre mesi senza un appartamento?

Salivo con entusiasmo i gradini dell’autobus turistico OpenTours, dopo mio figlio Sascha, ed ero contenta di aver trovato un posto in prima fila sul ponte convertibile. Ci siamo seduti e abbiamo collegato le nostre cuffie alle prese sul muro. Ovviamente ho scelto il francese per l’audioguida. Sull’autobus abbiamo potuto ascoltare storie interessanti e informazioni sui luoghi che avremmo visto. Il mio cuore batteva forte e provavo gioia ed eccitazione… finalmente ero a Parigi, la città dell’amore! Per un breve momento ho pensato a mio marito, con il quale avrei dovuto effettivamente intraprendere questo viaggio. Sarebbe stata la nostra luna di miele. Poi ho allontanato il pensiero. Ero qui! Con mio figlio, il mio passero. L’autista del bus ha avviato il motore. Siamo partiti. Il sole ardeva sulla nostra pelle. Era pieno agosto, 30 gradi centigradi. Per fortuna il venticello proveniente dall’esterno ci donava un po’ di freschezza. Ho lasciato che la voce della guida mi rapisse. Siamo partiti dall’Hôtel Des Invalides e presto abbiamo attraversato la Senna. Com’era bella la città! Place de la Concorde. L’opera. Gli Champs-Elysée. L’Arco di Trionfo. Questo gigantesco cancello mi ha ricordato un po’ di Monaco, la Porta della Vittoria. Monaco di Baviera! La mia amata città natale! Negli ultimi tre mesi avevo conosciuto Monaco e i suoi dintorni da una prospettiva completamente diversa. Infatti, avevo vissuto lì per tre mesi, ma non in un appartamento. Avevo vissuto nella mia piccola Skoda Fabia. Ho ripensato così alla mia prima notte in macchina e ho ricordato in un istante il nervosismo, l’incertezza, l’eccitazione.

Ho spento la sveglia del mio cellulare. Sbattendo le palpebre, mi sono guardata attorno e mi sono resa conto di dove fossi. Ero in macchina. Nella mia Škoda Fabia. Ero in un parcheggio a Riemer See a Monaco. Ho sollevato la testa e ho guardato fuori dalla finestra. Alcuni veicoli erano a meno di 20 metri di distanza. Un uomo stava correndo davanti alla mia macchina. Una signora anziana era uscita da un SUV. Un piccolo terrier le saltava dietro, abbaiando felicemente. Sono strisciata fuori dal mio sacco a pelo. L’intera struttura del letto vacillava e io mi sono dovuta aggrappare al sedile del conducente. Il letto in questa macchinina era una vero e propria fortuna. Non avresti potuto costruire in modo più provvisorio un letto in questo veicolo. Infatti, per costruirlo, ho piegato il sedile posteriore in avanti e girato indietro lo schienale del sedile del passeggero anteriore. Ho poi impilato due robuste scatole di plastica l’una sull’altra nel sedile del passeggero anteriore e nel bagagliaio e avevo compensato la differenza di altezza sulla pila anteriore con dei cuscini. La struttura a doghe fatta da sé giaceva su due pile di scatole. Ho poi semplicemente preso quattro fogli di legno di pino massiccio da 2 m di lunghezza da un falegname e li ho avvitati assieme a delle connessioni metalliche piatte. Ci ho messo sopra un materasso da campeggio per gonfiarlo. C’era abbastanza spazio tra il materasso e il tetto della macchina per potersi sedere sul materasso con il supporto a quattro zampe. Così, sono salita sul sedile del conducente, mi sono messa le scarpe e sono partita. Dovevo urinare così urgentemente, non riuscivo più a trattenere lo stimolo. Il bagno più vicino si trovava in una stazione di servizio a 10 minuti di distanza.

Sascha e io siamo passati al Batobus al Louvre. Il sole era già tramontato e la città brillava e si rifletteva sulla Senna. Prima di atterrare, avevo visto la Torre Eiffel fuori dall’oblò ed ero così eccitata che mi ero emozionata. Il secondo giorno della nostra meravigliosa settimana a Parigi siamo stati in grado di vedere la Torre Eiffel dal Tour Montparnasse. Camminando per la città, potevi vedere la Torre Eiffel tra gli edifici. Ogni volta il cuore batteva all’impazzata. Quindi siamo arrivati ​​al capolinea Batobus. Era lì, proprio di fronte a noi. Splendidamente illuminata. Brillava come un diamante ogni ora per alcuni minuti. Abbiamo superato i controlli di sicurezza e la fila alla cassa, che non è stata così lunga. Dalle 23:00 si può solo salire fino al balcone centrale. Eravamo finalmente di sopra. La vista era fantastica. Parigi era ai nostri piedi. A mezzanotte eravamo circondati dallo scintillio delle 20.000 luci della gigantesca torre. Ero felicissima. La vita era così meravigliosa. L’amore ci circondava. Ero felice sulla piattaforma con mio figlio e godevo della meravigliosa sensazione di essere proprio lì in quell’istante.

Sapevo di aver bisogno di una soluzione migliore. Ho comprato la vignetta del piacere di campagna, con la quale avrei potuto parcheggiare in una delle fattorie per 24 ore e andare lì in bagno. Il primo giorno dopo sono andata alla piscina coperta e poi la mattina successiva, appena terminato il turno di notte, mi sono diretta verso una delle fattorie, presso cui avevo informato del mio desiderio di rimanere. L’ospite mi ha ricevuta davanti alla porta e mi ha mostrato la strada per il prato del campeggio e le toilette. Sono sgusciata nel mio sacco a pelo sollevato. I pochi campeggiatori intorno a me dormivano ancora. Ho impostato la sveglia e mi sono addormentata rapidamente. Dopo circa due ore ho dovuto aprire un po’ gli sportelli della macchina perché il sole stava bruciando. I campeggiatori erano tutti svegli adesso. I bambini cigolavano in giro, le galline ridacchiavano eccitate attorno alla mia Fabia, un asino mi ha urlato di alzarmi. Da mezzogiorno ho smesso di dormire, ho spiegato agli sguardi interrogativi che avevo un turno di notte e sono partita. Ho attraversato un sentiero nel bosco e ho parcheggiato proprio di fronte al cartello che mi proibiva di continuare. Il resto delle 6 ore ho dormito senza interruzioni, senza sudare, senza commenti, corvi, abbai, cigolii e senza essere sfrigolata dal sole. Il rumore delle macchine che passavano non era poi così di disturbo. Dopo essermi alzata ho fatto la pipì in mezzo alla foresta. Avevo dormito. Sono andata a fare una passeggiata e mi sono goduta il profumo della foresta. Ora sapevo dove avrei trascorso i prossimi mesi fino a quando il noleggio della mia tenda sul tetto non fosse terminato. Ho abbracciato l’albero con gratitudine e gli ho sussurrato teneramente all’orecchio: “Grazie per essere qui.”

Se ti piacciono le mie storie su Vanlife, iscriviti e lasciami un Mi piace. Nel prossimo capitolo rispondo alla tua domanda: “Com’è stato il tuo primo mese nella tenda sul tetto?”

Il mio libro “parkitloveit” sarà pubblicato nel giugno 2020.

Unisciti a 742 altri iscritti

Please follow and like us:

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.